Attività in Regione

Potete trovare le informazioni sull’attività istituzionale che svolgo in regione sul sito ufficiale del Consiglio Assemblea Legislativa delle Marche.

Di seguito riporto alcuni dati relativi agli atti che ho presentato come primo firmatario (proposte di legge, mozioni, interrogazioni, ordini del giorno, interpellanze, risoluzioni), aggiornati ad inizio ottobre 2018. Ho partecipato alla stesura di molti altri atti con i colleghi del M5S, che per brevità non ho riportato in questa pagina.

Atti presentati

Come si può notare, il numero degli atti “ispettivi”, cioè le interrogazioni, è inferiore a quello degli atti di “indirizzo”, cioè le mozioni, sommati alle proposte di legge, in quanto approfondendo gli argomenti, cerco di fornire il mio contributo propositivo nei temi che mi trovo a trattare.

 

Perciò la mia azione politica è equilibrata tra “opposizione” e “proposta”, ed amo definirla come un’azione di PROPPOSIZIONE.

Tipo di argomento degli atti

Faccio parte della seconda commissione consiliare permanente che si occupa prevalentemente di Economia ed Europa, però cerco di seguire tutte le tematiche su cui la regione interviene, quindi gli atti da me presentati abbracciano anche gli argomenti trattati dalle altre commissioni esistenti:  sanità e sociale, ambiente e territorio, bilancio ed istituzioni, naturalmente le tematiche ambientali sono particolarmente curate, sia per competenza personale (sono un geologo specializzato in progettazione ambientale) sia per la rilevanza politica che rivestono all’interno del MoVimento 5 Stelle.

 

Provenienza degli atti

Studio ed approfondisco le tematiche collaborando e confrontandomi con i gruppi del M5S presenti sul territorio, e recependo le istanze presentatemi da numerose associazioni e singoli cittadini; la ripartizione della provenienza degli atti che ho presentato rispecchia questa impostazione, infatti circa la metà degli atti non proviene dalla mia diretta iniziativa.

Considero una ricchezza straordinaria il confronto con tutti coloro che si appassionano allo studio delle problematiche politiche e sociali e sono ben lieto di farmi loro portavoce in Regione.

 

Risultato degli atti

Oltre il quaranta per cento degli atti che ho presentato è stato approvato (o ha avuto un esito positivo, o è stato in qualche modo efficace); tra questi ben sei proposte di legge.

Questo risultato mi da la forza di proseguire con il massimo impegno nell’azione politica che sto realizzando.

Purtroppo la macchina burocratica regionale è lenta, e praticamente un quinto degli atti che ho presentato ancora non sono stati discussi. Mi lamento spesso in consiglio del fatto che gli atti vengono discussi con mesi di ritardo, ed ho più volte richiesto di convocare consigli straordinari per intensificare il lavoro di analisi, purtroppo ancora senza successo. Ho perciò deciso di produrre meno atti, ma di presentarli con contenuti più articolati, in modo da poterli discutere in tempi più brevi e di poter trattare argomenti più “pesanti”.

 

Atti approvati o efficaci

Di seguito riporto l’elenco degli atti, da me presentati, che hanno avuto un esito positivo o sono stati approvati, sono in ordine cronologico e non di importanza:

  1. Caccia – La proposta di legge 15/15 disponeva che il Calendario Venatorio fosse discusso in commissione prima dell’approvazione in Consiglio.  Durante la discussione della legge di bilancio 2015, ho presentato un emendamento con i contenuti di questa PdL che è stato approvato. Ora le legge 7/95 riporta la modifica che ho richiesto, e l’analisi del calendario ha assunto una valenza anche politica, in quanto la commissione ascolta oltre ai cacciatori, anche le associazioni ambientaliste.
  2. Istituzioni – L’Ordine del Giorno 5/15, sollecitava il governo ad approvare la legge sulla valorizzazione dei piccoli comuni (la legge, promossa anche da alcuni parlamentari del M5S  è stata successivamente approvata dal parlamento).
  3. Agricoltura – La mozione 84/16, approvata, chiede la riduzione ed eliminazione dell’utilizzo di diserbanti, sensibilizzando gli altri enti e fornendo ai comuni delle linee guida.
  4. Economia Circolare- La mozione 117/16 è stata ritirata poiché la commissione competente, grazie a questa mozione, ha deciso di affrontare in una apposita proposta di legge il problema del riutilizzo delle eccedenze alimentari  (approvata in  consiglio regionale all’unanimità). Nel comune di Marotta-Mondolfo esiste MO.MA.5 che distribuisce le eccedenze alimentari ed altri prodotti, nella quale prestano servizio numerosi attivisti del M5S locale, compresa la consigliera comunale M5S.
  5. Immigrazione – La mozione 117/16, approvata, chiede il finanziamento della legge regionale sull’immigrazione, l’aggiornamento della situazione ed il coordinamento con gli altri enti dei centri di accoglienza.
  6. Ambiente – La mozione 138/16, approvata, chiede il finanziamento di iniziative volte a valorizzare i comuni che hanno ottenuto il riconoscimento della “bandiera trasparente”, assegnata in funzione della qualità dell’aria e dell’ambiente, anche sotto il profilo turistico. Il progetto, nato per la provincia di Pesaro-Urbino, ora sarà esteso a livello regionale.
  7. Caccia – La mozione 146/16, approvata, chiede l’applicazione della Valutazione Ambientale Strategica e della Valutazione di Incidenza sul prossimo piano faunistico-venatorio, considerato che per quello esistente (frutto temporaneo dell’unione di quelli provinciali) tale procedura non era stata applicata. Piano Faunistico-Venatorio provincia PU.
  8. Rifiuti – La mozione 151/16 è stata assorbita nella risoluzione 33/17 (fatta propria dalla commissione competente ed approvata) che si oppone all’incenerimento dei rifiuti, e chiede alle ATA di redigere i piani d’ambito dei rifiuti secondo i seguenti criteri: riduzione produzione rifiuti, raccolta differenziata al 75%, appoggio al porta a porta, tariffazione puntuale, impiantistica per recupero di materia, premialità per comuni che differenziano maggiormente.
  9. Turismo – La mozione 186/16, approvata, chiede di mettere a disposizione in tempo reale i dati dell’Osservatorio per il Turismo e di coordinarsi con i comuni per sanzionare le strutture ricettive che non trasmettono tempestivamente i dati.
  10. Rifiuti – La mozione 192/16, approvata, chiede di fare ricorso contro il decreto del presidente del consiglio dei ministri che impone la realizzazione di un inceneritore nelle Marche. La Regione ha poi presentato il ricorso.
  11. Terremoto  – La mozione 193/16 è stata assorbita dalla risoluzione 39/17 che estende la metodologia utilizzata per la Strategia delle Aree Interne ai Comuni colpiti dal terremoto, per realizzare un Patto per lo Sviluppo che ne contrasti lo spopolamento ed il declino economico-sociale.
  12. Ferrovia  – La mozione 210/17, respinta,  è stata viceversa applicata, nel tempo intercorso tra la presentazione e la discussione in Consiglio, mediante l’esecuzione delle azioni richieste dal dispositivo: bloccare la vendita di un tratto della ferrovia Fano-Urbino e spingere per un utilizzo turistico della stessa.
  13. Sanità – La PdL 84/16 approvata all’unanimità in consiglio regionale, consente il recupero e la prescrizione dei farmaci non utilizzati con ingenti risparmi da parte della Regione e dei pazienti.
  14. Commercio – La mozione 271/17 , assorbita nella Risoluzione 42/17, esprime la contrarietà della Regione Marche all’accordo commerciale con il Canada (CETA).
  15. Energia – La mozione 229/17, approvata, impegna la regione a realizzare progetti per l’efficientamento energetico degli edifici di proprietà regionale.
  16. Ambiente – La mozione 207/17 è stata assorbita dalla risoluzione 44/17 firmata da tutti i partiti, e chiedeva la difesa degli alveari marchigiani dal pericolo portato dal calabrone killer asiatico (Vespa Velutina), mediante l’avvio di attività di controllo e monitoraggio della diffusione del calabrone dal nord Italia. Le attività sono state implementate.
  17. Caccia – La mozione 215/17 sulla tutela del Lupo è stata ritirata in quanto la giunta ha realizzato, nei 9 mesi intercorsi tra la presentazione e la discussione, tutti i punti del dispositivo proposti: contrarietà al piano di abbattimento del 5% dei lupi italiani; indennizzo veloce degli allevatori che hanno ricevuto danni da lupi e cani randagi; stanziamento fondi per prevenire danni al bestiame.
  18. Energia – L’Ordine del Giorno 34/17, approvato, rafforza quanto indicato dalla mozione 229/17 e impegna la giunta “ad intraprendere negli edifici di proprietà ed in quelli sotto la propria gestione, l’adozione di misure tese al risparmio e all’efficientamento energetico, fin dalla fase di progettazione e nell’esecuzione di interventi ordinari e/o straordinari di manutenzione”.
  19. Rifiuti –  La Risoluzione (n. 47/18 “Riduzione nella produzione di rifiuti mediante la promozione della filiera del vuoto a rendere”), è stata approvata unendo la mia  Mozione n. 299 “Promozione del vuoto a rendere per contenitori di vetro” con un’altra presentata dal PD; impegna la giunta a creare una filiera del vuoto a rendere in applicazione alla sperimentazione annuale introdotta a livello nazionale dalla legge 221/2015 sulla green economy; chiede di individuare risorse anche europee e di premiare i Comuni virtuosi.
  20. Lavoro – La Mozione 338/18 “Interventi a favore dell’occupazione nelle Marche“, chiedeva di individuare fondi regionali, nazionali ed europei per promuovere l’occupazione e sostenere i disoccupati, è stata ritirata in quanto in seguito alla discussione avvenuta in aula, si è deciso di presentare la Risoluzione 57/18 “Interventi a favore dell’occupazione nelle Marche, firmata da numerosi consiglieri di maggioranz,a che ha praticamente assorbito il dispositivo della mia mozione.
  21. Turismo – La Mozione 232/17 “Finanziamento parchi archeologici regionali, con priorità per Forum Sempronii” chiedeva il finanziamento per la messa in sicurezza ee la valorizzazione del sito archeologico di Forum Sempronii, ubicato alla periferia dell’attuale Fossombrone. E’ stata approvata la Risoluzione 58/18 “Finanziamento parchi archeologici regionali che impegna la giunta ad individuare i fondi per la valorizzazione di tutti i siti archeologici marchigiani.
  22. Europa – La Mozione 350/18 “Contrarietà ai contenuti del TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership) ed alle modalità del negoziato” (che aggiornava la precedente Mozione 155/16 “Negoziati sul TTIP e richieste di accesso ai documenti presso il MISE” ), chiede che la regione Marche esprima contrarietà al trattato di libero scambio USA-Europa denominato TTIP, in quanto mette a rischio la tutela dell’ambiente, della salute, dei diritti dei lavoratori, e non valorizza la qualità dei prodotti italiani. Dopo 3 anni di pressing verso i colleghi consiglieri, siamo riusciti a fare approvare all’unanimità una Risoluzione 61/18 “Contrarietà ai contenuti del TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership) ed alle modalità del negoziato“, che esprime questa contrarietà, come fatto in precedenza nei confronti del CETA (accordo Canada-Europa).
  23. Ambiente – E’ stata approvata all’unanimità la Risoluzione 63/18 “Misure urgenti per ridurre la presenza di glyphosate nell’ambiente, che discende dalla mia mozione 240/18 , con la quale la regione Marche chiederà ad enti ed associazioni di non utilizzare il Glyphosate e le altre sostanze chimiche, specificatamente nelle pratiche non agricole, ritenendole dannose per la salute e per l’ambiente (comprese le acque superficiali e sotterranee).
  24. Economia – La PdL 107/17 “Modifiche alla legge regionale 30 ottobre 2008, n. 30 “Disciplina delle attività regionali in materia di commercio estero, promozione economica ed internazionalizzazione delle imprese e del sistema territoriale” è stata approvata all’unanimità dal consiglio regionale. I Piani triennali per l’internazionalizzazione delle imprese saranno più dettagliati e sottoposti al puntuale controllo dei risultati conseguiti. La modifica dettaglia i contenuti dei piani triennali di internazionalizzazione delle imprese marchigiane, ed introduce una clausola valutativa per verificarne l’efficienza attuativa.
  25. Agricoltura – E’ stata approvata all’unanimità la Pdl 106/17 “Modifiche alla legge regionale 24 marzo 2015, n. 11 “Disposizioni per l’istituzione della Banca regionale della terra e per favorire l’occupazione nel settore agricolo“. Le modifiche proposte ed approvate realizzano un deciso potenziamento degli aspetti sociali, favoriscono l’integrazione tra le attività svolte dalle imprese agricole ed agroforestali e le politiche sociali. Ora possono essere assegnatari dei beni della Banca della Terra le imprese agricole, sociali, gli agricoltori custodi, le cooperative sociali operanti in agricoltura, gli operatori di agricoltura sociale.
  26. Lavoro – E’ stata approvata all’unanimità la mozione 363/18 “Aggiornamento dell’elenco dei Comuni rientranti all’interno delle aree di crisi non complessa” si impegna la giunta a verificare, alla luce di dati aggiornati, quali Comuni possano usufruire delle agevolazioni previste per gli investimenti delle piccole, medie e grandi imprese dalla Legge 181/89. La legge intende rilanciare le attività industriali, la salvaguardia dei livelli occupazionali, il sostegno dei programmi di investimento e lo sviluppo imprenditoriale delle aree colpite da crisi industriale e di settore.
  27. Economia Circolare – E stato approvato all’unanimità l’Ordine del Giorno 41/18 “Ordine del giorno sulla risoluzione n. 74 concernente le proposte sull’economia circolare”, teso a disincentivare l’utilizzo di materiale usa e getta all’interno delle strutture regionali, sostituendo per quanto possibile le materie plastiche con altro materiale, ed ove non possibile ad utilizzare materiale riciclabile e bio-compostabile; impegna inoltre ad inserire nei propri capitolati d’appalto, specifiche di fornitura per ridurre la produzione di rifiuti, sostenere gli appalti verdi, contrastare l’usa e getta.
  28. Europa – E’ stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno n. 42/18, per rendere possibile il monitoraggio degli investimenti europei sul territorio e la loro efficacia,  l’odg integra la risoluzione n. 67/18 , e prevede il potenziamento di una struttura di giunta che catturi non solo i fondi indiretti ma anche quelli diretti provenienti da Bruxelles, coordinando maggiormente l’utilizzo dei diversi fondi.
  29. Economia Circolare – E’ stata approvata all’unanimità la PdL 141/17“Promozione di negozi di prodotti sfusi ed alla spina“. La Regione finanzierà l’apertura di negozi di prodotti sfusi e alla spina, incentivando il rispetto per l’ambiente, sostenendo l’economia circolare (riducendo la produzione di rifiuti), promuovendo un modello di consumo critico, consapevole e sostenibile da parte dei cittadini. Saranno disponibili oltre 100.000 euro di fondi regionali. L’acquisto di prodotti sfusi e alla spina potrebbe consentire risparmi per le tasche delle famiglie quantificati da Federconsumatori in circa il 10% del prezzo finale del prodotto, per un importo annuo di quasi 700 euro all’anno.
  30. Energia – E’ stata approvata all’unanimità la PdL 88/16 “Istituzione dell’unità regionale per l’acquisto di energia elettrica e gas “, che istituisce questa Unità (URAE), a disposizione  dei consumatori sia pubblici che privati, domestici o aziendali, i quali potranno unirsi e agire congiuntamente, attraverso gare ad evidenza pubblica, per individuare il fornitore più economico sotto il profilo delle tariffe, più performante sotto il profilo della qualità del servizio e più ecologico sotto il punto di vista della sostenibilità ecologica del prodotto (i fornitori devono assicurare di produrre l’energia elettrica con fonti rinnovabili per oltre il 50%).
  31. Sanità – E’ stata approvata la risoluzione (risoluzione n. 77/18) che ha recepito ed assorbito la  mozione n. 335/18 da me presentata, che chiede il ripristino dell’unità cardiologica UTIC di Senigallia, impegnando la giunta a tenere operative per l’area vasta 2, le tre sedi di Senigallia, Jesi e Fabriano, dimensionandole in funzione dei fabbisogni storici.
  32. Istituzioni –  E’ stata approvata la Risoluzione (n. 81” Risoluzione sulla mozione n. 399 “Utilizzo di graduatorie concorsuali di altri enti per le assunzioni a tempo indeterminato di personale e attuazione di un Piano del fabbisogno unico regionale e degli enti partecipanti per il triennio 2018-2020”) che aumenta la trasparenza nell’indizione dei concorsi regionali, e la chiarezza nello scorrimento delle relative graduatorie.

 

__________________________

Per meglio essere informati sulle principali tematiche di cui mi occupo potete leggere la pagina Battaglie e la pagina Vittorie

Inoltre la raccolta degli articoli che scrivo, suddivisi per le principali tematiche, è visibile sulla pagina Argomenti